giovedì 5 dicembre 2013

Il mio lato... critico!


Oggi al telegiornale ho sentito la notizia del successo BUM del film di Checco Zalone "sole a catinelle".
Ha incassato più di 50 (CINQUANTA/ 50.000.000/CIN-QUAN-TA) milioni (MI-LIO-NI) superando anche il famosissimo di Titanic.
Non so tu, ma io ero piccola quando uscì il film che narrava l'affondamento del colosso a causa di un gigantesco iceberg e ricordo bene quanto successo scatenò! Gente che andò al cinema decine di volte a vederlo! Io non sono un critico cinematografico ma sono abbastanza obiettiva sul reale successo che ebbe il Titanic. Un film catastofico, pieno di effetti speciali e ricostruzioni che, all'epoca, erano speciali e mai visti. Una storia coinvolgente, con una trama epica e un finale estenuante.
Dalla nascita di Lorenzo sono andata pochissimo al cinema. Anzi a dirti la verità ci sono tornata un mese fa, dopo quasi un anno di assenza, dalle bellissime (e spesso scomodissime) sedie di fronte il grande schermo insieme ad un pacco di pop corn caldi, una coca cola da 1 litro e mezzo, il rompiscatole dietro di te che muove i piedi appoggiati sul tuo schienale, quello davanti troppo alto, quelli che ridono sguaiatamente o che chiacchierando durante il film e il classico tonto che non mette il silenzioso al cellulare e inizia a suonare durante la proiezione. Come ti ho già detto io non sono un critico cinematografico, ma sono molto critica e cerco di trovare l'errore in ogni cambio di scena, oltre al cercare il vero FILM. Quindi sono andata a vedere questo grande successone di Checco Zalone. Sarà che non l'ho mai apprezzato realmente, ma io questa grande popolarità non l'ho compresa.
Il film è prettamente banale, scontato e... lo dico? non ironico! In 90 minuti avrò riso 30 secondi, eppure non sono partita prevenuta non piacendomi il protagonista. Quindi mi sono chiesta come mai questo successo.
Troppa pubblicità? Siamo stati troppo condizionati avendo saputo che questo è stato uno dei migliori film degli ultimi anni e quindi, incuriositi, siamo corsi a vederlo?
Non lo so questo amica mia, ma ho riflettuto un po' sul mondo del cinema, essendo appassionata di scenografie, trame e montature delle scene.
Io non sono fan delle attuali opere italiane, parlano più o meno delle stesse cose, stesse sceneggiature, poca fantasia nella trama e soprattuto.. poco impegno da parte di certi attori che sembra leggano il gobbo vicino la telecamera o che hanno attimi di recitazione troppo intensa, irreale, non naturale.
Adesso per esempio su canale 5 stanno facendo "la settimana più brutta della mia vita" con Cristiana Capotondi e Fabio De Luigi. Io sono amante delle commedie, ma appena vedo che è un film italiano non so perchè ma distolgo subito l'attenzione.
Per non parlare del fatto che riesco a capire che un film è made in France senza nemmeno vedere un nome in francese a inizio film. Non lo so se la mia sia troppa criticità o addirittura un talento ahahahha. Stessa sorte per i film tedeschi e spagnoli. Hanno proprio una scenografia diversa, un modo di ripresa diversa, un montaggio diverso. Sono troppo critica vero?
Le mie amiche te lo possono confermare. Vedere un film con me affianco è pressoché impossibile. Io sono la classica persona che ad un certo punto del film ti batte il gomito sul braccio e dice "secondo me questo a metà film muore" oppure "secondo me alla fine...." mi piace prevedere la scena successiva o addirittura il finale! Forse perchè mi piace essere stupita ed essere smentita con un grande finale a sorpresa che non mi aspettavo. Per non parlare dell'impegno che ci metto nel trovare gli errori. uuuuuuh cara, potrei non finire mai e mi accanisco quando, rivedendo un film, mi accorgo di un errore che non avevo notato prima. Forse ecco perchè non mi piacciono i film italiani, sono troppo pieni di errori e li trovo tutti subito (ok questa era cattiva)
Oggi ho scritto un pò così, come se ti stessi parlando davanti un the sul divano dopo aver sentito la notizia del successo di Zalone e il discorso è divagato come sempre succede con le amiche.
Buonanotte <3 br="">
Sto facendo un pò di assenza da youtube lo so, ma ultimamente sono psicologicamente impegnata e non ho la testa per fare un video.

21 commenti:

  1. Hai pienamente ragione Cri! Sarebbe bello poterne parlare davvero davanti una tazza di the, (anzi, Ciobar! Il the non fa per me! :D).

    Ps. Ti svelo un segreto. Io sono come te! Pensa, che quando vado in una libreria, focalizzo la mia attenzione sulle copertine di ogni singolo libro cercandone una che mi possa piacere ma.......non succede mai! E poi, se decido di comprarne uno, la prima cosa che faccio indovina qual è?! LEGGERE L'ULTIMA PAGINA!
    Pazienza, siamo fatte così! U_U

    Un bacio a te e al principino, ci mancate da morire.

    RispondiElimina
  2. Assurdo ma è la pura verità!! Quanto denaro sprecato!! Grande Cri, leggerti e seguirti mi rende felice ;) Bacini

    RispondiElimina
  3. Gli altri due film di zalone mi sono piaciuti di più. Cmq a me ha fatto ridere, per una volta è la lrggetrzza a vincere sulla tristezza, l'angoscia e la morte (vedi Titanic). Che male c'è a farsi due risate? Viva zaline e viva i film italiani!!!

    RispondiElimina
  4. HEY! Hai anche un maschietto a seguire :)
    Anche io pienamnte d'accordo!

    RispondiElimina
  5. Ciao Cristina, sono d'accordissimo con te. Io però non ho ancora visto il film quindi sulla comicità di Zalone non posso esprimermi. La pubblicità in Tv è stata assillante. Comunque è assurdo confrontare gli incassi di un film del 2013 con quelli di Titanic uscito nel 2007... andare al cinema non era un'abitudine come oggi! Buona notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O.o scusa per l'errore di scrittura, volevo dire 1997

      Elimina
  6. Veramente Titanic è uscito prima del 2000, che dici 2007???.e cme di andava anche a quei tempi al cinema sai?.molto più di adesso che c'è la
    crisi! L'ignoranza dilaga ovunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ho sbagliato a scrivere mi sono confusa. intendevo 1997.
      Sei parecchio maleducato a dare dell'ignorate alla gente per un errore. è ovvio che se fosse del 2007 il paragone sarebbe più sensato.. E comunque, alla faccia della crisi, Zalone ha incassato 50 milioni!

      Elimina
  7. ciao cri su zalone sono d'accordo.. io il film non l'ho visto ma già dal trailer mi sembra una cavolata..film che ho visto di recente, mi sono piaciuti e ti consiglio sono: Cattivissimo me 2 (ottimo anche per Lorenzino) e Fuga di Cervelli diretto da Paolo Ruffini (film comico anche se demenziale fa comunque ridere e ti fa rallegrare la serata)..ciao baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film di Zalone era una cavolata, fuga di cervelli (con la regia dell'illustrissimo Paolo Ruffini) invece...quello sì che è un filmone!! -.-'
      In ogni caso, Luca Medici è senza dubbio una delle persone più colte che ci siano al momento in Italia, nel caso qualcuno non sapesse che è pure laureato e che è tutto tranne che un ignorantone. Ed oltretutto, nei suoi film la comicità sta proprio nel prendere per il culo l'italiano medio, quello che pensa che un film diretto da Paolo Ruffini sia degno di stare al cinema, per intenderci.

      Elimina
  8. TANTA STIMA PER TE!
    :-)

    RispondiElimina
  9. Anche io e mio fratello siamo uguali, quando guardiamo un film con nostro papà (premetto che lui guarderebbe anche un film in cinese!), partiamo subito "Ah questo è un film francese, si vede dalle immagini, dal modo di recitare etc.", oppure "Ah questo film è fatto male, guarda prima aveva il bicchiere nell'altra mano, prima aveva la sciarpa e adesso no etc."... è anche difficile guardare i film così, perché finiscono per non piacermi mai..! Sono dell'idea che il cinema italiano stia andando alla scatafascio, in America ci danno il giro 100volte! L'unica cosa in cui siamo i migliori, a mio parere, sono le voci.. I nostri doppiatori sono bravissimi nel rendere i personaggi americani NOSTRI, mentre i film in lingua originale non mi dicono nulla, mi sembrano tutti una cantilena..! Boh..
    Ad ogni modo bel post Cri, un bacione

    RispondiElimina
  10. Viao Cri!!!! Sono d'accordo con te!!! Io i film di Zalone evito come pentola con l'acqua calda!! Lui non mi piace, non mi piacciono i suoi film e le sue battute "comiche". pero ovviamente i gusti non si discutono ;)
    comunque per quanto riguarda i film.... hmm purtroppo credo che tutte le """commedie""" (scritte tra tantissime virgolette, anche perche tali non potrebbero essere chiamate ) italiane non fanno ridere, hanno la finale e il svolgimento troppo prevedibile, banale e tutto si riconduce (nella grande maggioranza dei casi) solo ad un argomento e cioe il SESSO.
    Non riesco proprio farmele piacere, forse sono io pero preferisco di gran lunga i film (di tutti i tipi) americani. Boh sara anche l'abitudine. Ma vedere persone nei panni di attori che fino a pochi mesi prima erano veline o altro certo è che non ti invoglia per niente.
    poi sai credo che tutti siamo invogliati di andar a vedere i film solo perche siamo stati letteralmente bombardati dalla pubblicità!!! ma come te ritengo che il senso critico sia essenziale!! anche perche senza di esso saremmo solo delle macchine!! invece se tutti fossimo come te!! a quei 50 milioni sicuramente non si sarebbe arrivati!!
    un bacione a te e al Principino :*

    RispondiElimina
  11. sai da quanti anni sono che no vado al cinema? 2
    anche io ho un bimbo e ti capisco
    quei film non mi osno mai piaciuti
    non spenderei mai quei 8/9 euro allla cavolo, perchè per me sono soldi spesi male.
    piuttosto se mi incuriosisce me li guardo in streaming come poi faccio come tutti gli altri film...
    leggo quelle cifre che ha fatto e rimango stranita perchè prendendo il tuo esempio del titanic, quello si che meritava tutti quei soldi, quella popolarità
    fa parte di quei film che rimangono nella memoria della gente. per la storia accaduta realmente, per gli attori (e che attori!),,, quelli sono film che meritano di essere visti e rivisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravissimo x me è assurdo che ha avuto più incassi del titanic

      Elimina
  12. Sono d'accordo con quello che dici ma vorrei fare un piccolo appunto. Come quelli italiani, anche i film tedeschi e spagnoli si somigliano un pò tutti. Anch'io sin dall'inizio capisco di che tipo di film si tratta perciò lo dico. E poi Zalone. Diciamo pure che non è la 'seta' ma non è nemmeno la 'lana'. Non ho mai visto al cinema i film di De Sica e Boldi perché li trovo squallidi e noiosi. L'ilarità che suscita in me Zalone è la voglia pura di staccare e di ridere. Zalone punta sui giochi di parole (e credo sia questo il suo punto di forza) e fa il verso agli ignorantoni tamarri di cui ogni giorno siamo circondati. E lo fa con spirito e leggerezza, proprio quello che gli viene chiesto in questo momento. Non gode di un gran talento per la recitazione ma ci passo anche su se mi fa fare due risate sane. Non mi pare che De Sica o Boldi facciano meglio, eppure i cinepanettoni vanno a vederli sempre tutti anche se tutti dicono che sono una cavolata (questa cosa non la capirò mai). E' che ora tutti cercano la leggerezza visto la pesantezza e la tristezza della realtà e credo sia giusto andare al cinema e non tornarsene più tristi di prima. Poi ovvio! Il Cinema con la C maiuscola è un'altra storia!! Non dimentichiamo che il mondo è bello perché vario ;) baci Cri! e un bacio anche a Lorenzo =* =*

    RispondiElimina
  13. Sono pienamente d'accordo con te. I film italiani degli ultimi anni, a parte qualche (rara) eccezione sono superficiali, banali e mal recitati. Infatti quelli che vanno di più sono appunto le commedie, dove l'unica cose che conta è strappare qualche risata, anche a costo di usare volgarità. La controprova è che i film di altri generi sono un completo fiasco, per fare un esempio giusto l'altro giorno ho visto l'ultima ruota del carro, del quale penso si salvi solo il messaggio (tutto il resto è penoso). Solo ultimamente mi sto interessando ai fim più vecchi, e sto scoprendo che ci sono dei veri capolavori, anche tra i film italiani. Se uno non si fa spaventare dal bianco e nero, o dall'audio non perfetto può scoprire film magari lenti come trama, ma sicuramente molto più profondi e appassionanti di quelli d'oggi.
    Ciao e baci

    RispondiElimina
  14. c'è è una bestemmia dire che checco zalone ha fatto più incassi del titanic cacchio il titanic è il film che ha avuto più successi in tutto il mondo altro che le cavolate che escono adesso può essere simpatico quanto vi pare checco zalone ma mettere a paragone titanic con sole a catinelle proprio noooooooooo

    RispondiElimina
  15. "Una storia coinvolgente, con una trama epica e un finale estenuante." E' ciò che il Titanic voleva ottenere. Non so se ci è riuscito.
    Un occhio critico trova il rapporto fra i due protagonisti al limite del credibile, tralasciando la classe sociale e tutte le differenze del caso, il tempo su quella nave si annulla e tutto corre..fin troppo. Supera la realtà.
    La trama è avvincente, come lo è quella di Mulan o di Toy Story..tanta fantasia ma poco realismo. Il finale sì, è estenuante, servirà proprio a questo scopo tutta la storiella surreale ed eccessivamente mielosa della prima parte. Ottima idea ma pessima realizzazione..

    Checco Zalone...se uno non fa proprio schifo o addirittura se la cava, in Italia diventa "er mejo"..

    RispondiElimina